Pillole linguistiche

a cura del dott. Fausto Raso


Indice articoli

Bere e mangiare: usi impropri


Molto spesso, nel parlare ma anche nello scrivere, adoperiamo i verbi mangiare e bere dando loro un significato generico. Ci sono, invece, verbi più appropriati, a seconda del contesto, che sarebbe bene adoperare se si desidera scrivere e parlare con proprietà. Vediamo qualche esempio.

Tra virgolette il verbo generico, in parentesi il verbo appropriato: « Dopo tanto digiuno, i peccatori “mangiarono” (divorarono) anche il pane raffermo; il bimbo ha “bevuto” (trangugiato) quella medicina con mille smorfie, tanto era disgustosa e amara; Giovanni, “mangia” (assaggia) questo pezzettino di torta, ti leccherai i baffi; quei birbanti hanno “mangiato” e “bevuto” (gozzovigliato) tutta la notte; Carlo, “bevi lentamente” (centellina) questo liquore per gustarlo meglio; era ubriaco fradicio perché aveva “bevuto” (ingurgitato) litri e litri di vino ».

Potremmo continuare, ma non vogliamo tediarvi oltre misura. A voi, seguire o no, i nostri modesti consigli.


23-12-2016 — Autore: Fausto Raso

Articolo più recenteIndice articoliArticolo precedente